Informazioni sul mio percorso personale, professionale e politico

 

Informazioni personali e formazione

Sono nato a Firenze l’11 ottobre 1979 e cresciuto a Palazzone, un piccolo paese della provincia di Siena, frazione del Comune di San Casciano dei Bagni.

Dopo aver conseguito il diploma da Geometra mi sono laureato in Ingegneria Meccanica all’Università degli Studi di Perugia.

Percorso politico

Iniziai a partecipare attivamente alla vita politica della mia terra nel 2008 con il meet-up 53 di Perugia e due anni dopo, nel 2010, fui scelto dai miei compagni di viaggio come candidato portavoce alla presidenza della Regione Umbria.

Alle elezioni politiche del 2013 sono stato eletto alla Camera dei Deputati entrando così a far parte del collettivo che che trasformò un’esperienza civica extraparlamentare in un gruppo politico con una massiccia rappresentanza in entrambe i rami del Parlamento. Nella XVII Legislatura della Repubblica Italiana tanti cittadini come me portarono il MoVimento 5 Stelle nelle istituzioni con la voglia di riaccorciare le distanze tra il palazzo e le esigenze degli italiani.  Nella circoscrizione XIII Umbria tanti cittadini mi diedero la forza per contribuire a questa importante battaglia.

Battaglie nelle Istituzioni

Dal maggio 2013 sono stato membro della Commissione Agricoltura e Lotta alla Contraffazione alla Camera dei Deputati. Ho interpretato il ruolo di portavoce raccogliendo e coordinando le idee e le energie di tanti uomini e donne che hanno portato alla presentazione di proposte di legge nel campo dell’etichettatura e della lotta alla contraffazione, nonché di numerose iniziative legislative come la riforma del Corpo dei Vigili del Fuoco.

Nel settembre 2013 partecipai, insieme ad alcuni colleghi, alla protesta sul tetto di Palazzo Montecitorio per contrastare le modifiche alla Costituzione prospettate dal Governo Letta. Una serie di norme che avrebbero snaturato il significato stesso dell’articolo 138 della Carta Costituzionale. Anche nel dicembre 2013 occupammo i banchi del Governo per cercare di evitare la ratifica dell’Accordo tra Albania, Grecia e Italia sul progetto del gasdotto “Trans Adriatic Pipeline” (Tap).  Un altro momento molto critico fu nel gennaio 2004, dopo il voto di fiducia al decreto IMU-Bankitalia, una vera e propria svendita della Banca d’Italia a favore delle banche private che da opposizione non riuscimmo ad evitare. La rabbia che non riuscii a trattenere quando si arroccarono a tutela dei privilegi pensionistici dei deputati mi costò ben 15 giorni di espulsione. Nel gennaio 2017 però mi presi una grande soddisfazione perchè, insieme alla collega Tiziana Ciprini, vincemmo il ricorso contro la legge elettorale Italicum.

Ruoli ricoperti

Alle elezioni del 4 marzo 2018 sono stato rieletto deputato nella XVIII legislatura e sono entrato nuovamente a far parte della Commissione Agricoltura.

Il 21 giugno sono stato eletto Presidente della Commissione Agricoltura della Camera.