Anche oggi il mondo parla della “crisi ucraina” come conseguenza della pessima (a dir poco) gestione della vicenda da parte della coppia UE-USA. La conseguenza sarà sempre più un avvicinamento della Russia alla Cina; la Russia, che fino a pochi mesi fa era un nostro utile partner commerciale, presto finirà per legarsi sempre più alla Cina con accordi bilaterali allargati anche agli altri Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica). La prossima “guerra” scoppierà perché nel futuro gli scambi commerciali si effettueranno in yuan anziché in dollari e questo gli USA non se lo possono permettere.
Noi come Italia, con questo Governo, staremo a guardare la nostra fine, perché in U.E. con il vincolo dell’euro saremmo fuori da ogni possibilità di dialogo e di ripresa, per questo dobbiamo uscirne quanto prima.