Farine integrali col trucco? La legge attuale consente l’inganno. Con la nostra PDL diciamo basta!

Negli ultimi anni i prodotti integrali sono aumentati esponenzialmente per rispondere alle esigenze dei consumatori. Ma siamo sicuri che siano tutti fatti con farine ‘grezze’?

E’ necessario chiarire il quadro normativo attuale: “La farina integrale è il risultato della macinazione dell’intero chicco, ovvero è quella che si ottiene molendo il 100 per cento del cariosside. È la farina meno raffinata in assoluto, poiché contiene la maggiore presenza di crusca e con essa anche il maggior apporto di nutrienti e, per questo, è giustificato anche il prezzo maggiore. Tuttavia la legge attuale consente anche un falso integrale, ovvero non vieta la farina di frumento con l’aggiunta di crusca che è lo ‘scarto’ di lavorazione delle farine più raffinate.

Il prezzo è lo stesso della ‘vera’ integrale, ma la qualità nutrizionale è inferiore. La proposta di legge a firma 5 Stelle presentata in commissione Agricoltura alla Camera, ha cominciato l’iter di discussione e mira a disciplinare per legge l’uso ‘farine di grano non raffinate’.

Con l’introduzione della dicitura ‘farine integre’, puntiamo a fare finalmente chiarezza e a distinguere i prodotti 100 per cento integrali da quelli che vedono oggi le farine raffinate mischiate a crusca o cruschello. “Così facendo, avremo un doppio beneficio: da un lato i consumatori potranno scegliere liberamente, avendo a disposizione maggiori informazioni, dall’altro i produttori saranno tutelati perché vedranno valorizzato il loro prodotto.

In Umbria, per esempio, ci sono molte realtà non industriali che macinano la farina e producono un vero integrale, che può acquistare chiunque. La pdl che abbiamo presentato in Parlamento, consente di fare chiarezza e porre uno stop al ‘calderone‘ nel quale tutto finisce per essere integrale. Confidiamo in un percorso condiviso con la maggioranza, nella speranza che si giunga presto al voto finale”.

Lascia un Commento