L’agricoltura, la silvicoltura e la pesca dell’Unione europea

L’Eurostat, nell’edizione 2014 del Libro statistico su agricoltura, silvicoltura e pesca dell’U.E ci fornisce dati molto interessanti. Nel 2014, le colture rappresentato poco più della metà (52%) della produzione agricola totale dell’UE, mentre i prodotti di origine animale rappresentato il 43%. In Romania valgono il 73%, in Grecia il 69%, in Bulgaria il 65% e in Croazia il 62%. Per l’allevamento i risultati più significativi sono dell’Irlanda, dove la zootecnia rappresenta il 70% dell’attività agricola, segue la Danimarca con il 63% e la Finlandia con il 60%. La distribuzione della produzione agricola totale è strettamente equilibrata tra le colture e gli animali in Germania (47% per le colture, rispetto al 49% per gli animali), Slovenia (50% e 48%), Svezia (46% e 48%), Lettonia (50% e 47%), Cipro (52% e 48%), Polonia (47% e il 51%), Lussemburgo (47% e 52%) e Paesi Bassi (48% e 42%).

Francia e Germania producono quasi il 40% di cereali nell’Unione europea dove nel 2013 sono state prodotte 305,7 milioni di tonnellate di cereali. La Francia (67,3 mln t, il 22% della produzione totale UE) è rimasta il più grande produttore, seguita da Germania (47,8 mln to  16%), la Polonia (28,5 mln t o 9%), la Spagna (25,4 milioni t o 8%), la Romania (20,9 mln t o 7%) e il Regno Unito (20,0 milioni t o 7%). L’Italia è leader per i pomodori, la Polonia per le mele con una produzione di 5,2 milioni di tonnellate nel 2013.

L’Italia ha rappresentato più di un terzo (35%), della produzione di pomodori nella UE (14,9 milioni t), davanti alla Spagna (3,8 milioni t o 25%), il Portogallo (1,2 milioni t o 8%) e la Grecia (1,0 milioni t o 7%). Per le carote, la Polonia e il Regno Unito (entrambi t 0,7 milioni o il 14% ciascuna del 5,1 mn t l’UE ha prodotto) sono stati i due principali produttori nel 2013, seguiti da Germania e Paesi Bassi (sia t 0,6 milioni o 11% ciascuna) , e la Francia (0,5 milioni t o 10%).

Quasi la metà della produzione europea di cipolle (5,7 milioni t) è stata registrata nei Paesi Bassi (1,3 milioni t o 23%) e in Spagna (1,2 milioni t o 21%).

La produzione di mele nell’UE è pari a 12,0 milioni di tonnellate nel 2013, di cui il 26% (3,1 milioni t) sono state prodotte in Polonia, il 18% in Italia (2,2 milioni t) e il 17% in Francia (2,1 milioni t)

Un quarto della carne di maiale è stata prodotta in Germania con una produzione di 5,5 milioni di tonnellate, pari al 25% del totale UE, la Germania è stata nel 2013 il principale produttore di carne suina nell’Unione europea, seguita dalla Spagna (3,4 milioni t o 16 %), mentre la Francia è stato il principale produttore di animali carne bovina (1,4 milioni t o 19% o produzione totale UE).

La Francia ha avuto la più grande produzione di pollame nel 2013, poco prima del Regno Unito e la Polonia (in tutto 1,7 milioni t). Insieme, questi tre Stati membri il 40% della produzione totale dell’Unione di carne di pollame.

Per il latte vaccino, la Germania (31,3 mln t o il 20% della produzione totale UE) e la Francia (24,4 mln t o 16%) sono stati di gran lunga i due principali produttori dell’Unione europea nel 2013; l’Italia per il latte si attesta a circa 11 mln di tonnellate. 

Lascia un Commento