“Granarium”, il pane a Km0

Il tour agroalimentare 5 stelle oggi fa tappa a “Granarium”. L’azienda di Bevagna, località Cantalupo  può, a nostro avviso, diventare il modello nazionale della filiera corta perchè racchiude in una sola struttura l’intera filiera cerealicola.

Dalla terra il grano tenero, il prodotto principale che viene seminato, viene stoccato, pulito e lavorato con una “macina a pietra” restaurata dal proprietario e così “trasformato” in farina, semola e crusca. Dopo ciò, con arte e passione e una cottura in forno a legna, nascono decine di prodotti, pane, pizza, biscotti e crostate che vengono direttamente vendute in loco.

 

E’ il primo progetto in Umbria dove l’agricoltore con il suo grano produce e vende direttamente pane e altri prodotti da forno. Questo passaggio è importante, perchè oggi il grano tenero viene venduto a 16/17 euro il quintale, mentre il pane a circa 250 euro al quintale e quindi, per sopravvivere al mondo, ahimé, globalizzato è trasformare il prodotto e dargli quel valore aggiunto che solo la nostra abilità, quella dei produttori italiani, riesce a fare.

DSC_0018

DSC_0022

 

DSC_0030

Lascia un Commento