Archivi Mensili: dicembre 2016

Resoconto di fine anno

SIN

Al termine di quest’anno, è giusto far sapere ai miei “datori di lavoro” l’attività svolta nel 2016 in Parlamento. Secondo Openpolis il mio indice di produttività è 264,5 e mi classifico al 116° posto su 630 deputati. In qualità di parlamentare, ad oggi, ho depositato (clicca su ATTIVITA’ PARLAMENTARE su questo blog)   10 proposte di legge, 8 mozioni, 3 interpellanze, 9 question time, 212 interrogazioni e ...

Leggi Articolo »

Latte, approvato il decreto sull’indicazione di origine. Finalmente un passo in avanti a difesa dei nostri prodotti

latte_etichetta

E’ stato finalmente approvato il decreto per l’indicazione dell’origine del latte in etichetta. Un passo in avanti anche se in forte ritardo a difesa, almeno nel mercato nazionale, di tutti i prodotti lattiero-caseari made in Italy. Una misura per cui il M5S si è battuto fortemente. Il decreto prevede che il latte o i suoi derivati dovranno avere obbligatoriamente indicata ...

Leggi Articolo »

I numeri della PAC: l’Italia e l’Umbria

Tractor in The Field

Come gli agricoltori sanno,  la nuova PAC ha introdotto,  con non poche difficoltà, significativi cambiamenti nella gestione dei pagamenti diretti e del calcolo dei titoli. Questo post, non è dedicato a spiegare come compilare la domanda unica o quali sono le scelte migliori da fare in campo (compito dell’agronomo), ma a riferivi della situazione nazionale ed umbra. In Italia  (dati 2016) ...

Leggi Articolo »

Rems e caso Bigotti. Emblema del pasticcio della riforma ancora incompiuta

rems_pontecorvo

La delicata vicenda del giovane Bigotti che ancora non trova posto in una Rems sta diventando a dir poco paradossale oltre che emblematica del pasticcio della riforma dell’assistenza psichiatrica in Italia ancora oggi incompiuta. E’ quanto penso all’indomani dell’udienza con il magistrato di sorveglianza che si è svolta ieri pomeriggio al Servizio psichiatrico diagnosi e cura dell’ospedale di Perugia dove ...

Leggi Articolo »

Osservatorio sulla cooperazione agricola. I dati 2015 dicono che è meglio “stare insieme”

osservatorio

Finita la “febbre elettorale” occorre tornare ad occuparsi del Paese. Primo appuntamento della giornata dedicato all’analisi fatta da Nomisma sulla Cooperazione agricola italiana analizzando i dati 2015. In un mondo, nel bene o nel male globalizzato, è evidente che solo l’aggregazione delle filiere riesce ad alleviare l’impatto della volatilità dei prezzi e a rispondere più velocemente alle richieste del mercato. ...

Leggi Articolo »